Rende (CS) – Parte la Centrale unica di committenza fra Rende e Montalto
12 febbraio 2016 Share

Rende (CS) – Parte la Centrale unica di committenza fra Rende e Montalto

image_pdfimage_print

Montalto e Rende insieme nella Centrale unica di committenza

I sindaci Manna e Caracciolo hanno firmato lo Schema di convenzione

Il primo cittadino di Rende: Combattiamo sul nascere i fenomeni corruttivi con strumenti che garantiscono la massima trasparenza negli appalti pubblici

I sindaci di Rende e Montalto Uffugo, rispettivamente Marcello Manna e Pietro Caracciolo, hanno firmato questa mattina, venerdì 16 febbraio 2016, lo schema della convenzione che dà il via libera alla costituzione della Centrale unica di committenza.  Gare d’appalto per lavori, forniture e servizi oltre i 40mila euro saranno gestite in forma associata in base allo Schema di convinzione che è stato già approvato in entrambi i consigli comunali.

 

“Sinergia importante – ha commentato il sindaco di Rende, Marcello Manna – con l’amministrazione comunale di Montalto Uffugo per combattere i fenomeni corruttivi e garantire trasparenza, legalità e verificabilità degli appalti pubblici. Altri due Comuni sono pronti a far parte di questa Centrale unica appaltante. Ci troviamo in un contesto complicato e abbiamo il dovere di prestare la massima attenzione sulle gare a evidenza pubblica. Rende è una grande città e può suscitare gli appetiti di chi si muove fuori dalla legalità. Tocca a noi essere vigili e combattere ogni forma di corruzione, e soprattutto impedirne  nascita e diffusione con gli strumenti che ci fornisce la legge. Con l’amministrazione comunale di Montalto sono in atto una serie di sinergie; penso alla strada che unisce le nostre due zone industriali e alle nostre politiche che guardano all’espansione a Nord dell’area urbana”.

Quello attivato con la Cuc è un modello di gestione delle gare pubbliche destinato a ottimizzare le risorse umane, finanziarie e strumentali di entrambi gli Enti. La progressiva ottimizzazione si tradurrà in risparmio per i due comuni, concentrando in una struttura specializzata quegli adempimenti che normalmente vengono curati da una pluralità di stazioni appaltanti. Una struttura altamente qualificata avrà il compito di assicurare maggiore professionalità, e quindi, un’azione amministrativa più veloce, snella ed efficiente.

(comunicato stampa)