COSENZA –  FAREITALIA: Il debitore pignorato puo’ evitare di perdere il suo immobile.
27 gennaio 2016 Share

COSENZA – FAREITALIA: Il debitore pignorato puo’ evitare di perdere il suo immobile.

image_pdfimage_print

Invero, quando risulta che non è più possibile conseguire un ragionevole soddisfacimento delle pretese dei creditori, anche tenuto conto dei costi necessari per la prosecuzione della procedura, delle probabilità di liquidazione del bene e del presumibile valore di realizzo, è disposta la chiusura anticipata del processo esecutivo.

 

Pasqualino-Gallo-470x240

Si tratta di una rilevante novità che dona al debitore pignorato una nuova speranza: conservare la proprietà del suo immobile!

In particolare la riforma ha previsto che, in caso di una serie di ribassi d’asta,  laddove  il prezzo battuto come “basa d’asta” per l’esecuzione forzata si discosti molto dal suo valore di mercato, il giudice debba  disporre la chiusura anticipata del processo esecutivo.

Questo significa che, in ossequio al principio di solidarietà sociale ed equità sostanziale (articolo 2 della Costituzione), i beni immobili del debitore non saranno più svenduti come accadeva in precedenza: spesso e volentieri, infatti, aste andate deserte determinavano un rilevante ribasso del “prezzo” di vendita dei beni suddetti, con “insoddisfazione” sia dei creditori che non riuscivano a vedere adempiute le loro pretese creditorie con l’esigua somma ricavata dalla vendita,  sia dei debitori che, non solo restavano “senza casa”, ma non riuscivano neanche a liberarsi  dal debito, che rimaneva incombente, con conseguente possibilità dei creditori di poter continuare ad agire nei loro confronti, magari iniziando procedure esecutive su altri loro beni.

Il Presidente Fareitalia Cosenza

Avv. Pasqualino Gallo

 

(Comunicato Stampa)