Rossano Futura scrive ai sindaci di Corigliano e Rossano
15 novembre 2017 Share

Rossano Futura scrive ai sindaci di Corigliano e Rossano

image_pdfimage_print

ROSSANOFUTURA saluta con grande soddisfazione la tempestiva convalida, da parte della Corte d’Appello di Catanzaro, del risultato del referendum sulla fusione Corigliano Rossano che ora impone a tutti noi, ed in primis ai due Sindaci il dovere di compiere subito e bene i passi successivi magari dotandosi di una comune cabina di regia che includa maggioranza e minoranza dei rispettivi Consigli Comunali.

Subito un incontro con il Presidente della Giunta Regionale per definire in tempi brevissimi gli adempimenti regionali, da compiere entro 60 giorni senza dilazione alcuna, ma anche per richiedere con forza una concreta concertazione sui programmi di sostegno alla fusione e sui diritti negati, che di seguito vogliamo rammentare:

Ulteriori investimenti sull’area urbana per quanto attiene l’assetto del territorio e la mobilità

Impegno del Presidente Oliverio a richiedere il ridisegno delle Circoscrizioni Giudiziarie.

ZES, Porto di Corigliano e riconversione sito Enel: ricondurre le tre questioni a logica unitaria attraverso un Contratto di Sviluppo.

Emergenza Sanità: basta con i rimpalli ed i rinvii . Subito una parola chiara sul nuovo Ospedale ma soprattutto fine della tragedia dello Spoke mai nato di Rossano e Corigliano. Personale medico, attrezzature, strutture e soprattutto fine della colossale presa in giro di due Ospedali fotocopia ambedue in dismissione. Se la salute è un diritto allora la malasanità è un reato e ci chiediamo a questo punto che fine abbia fatto un nostro esposto di un anno fa.

Oggi più che mai c’è bisogno di unità e di forza. Sappiamo bene che le due Amministrazioni Civiche non godono buona salute, a partire da quella di Rossano ormai priva di maggioranza, e rischiano di saltare da un momento all’altro. Perciò RossanoFutura lancia un appello ai due Sindaci affinché superino gli steccati ed i rinchiusi delle loro maggioranze, si aprono alle minoranza per gestire unitariamente la fase nuova, delicata e strategica che si è aperta affinché i pochi mesi che passano da qui alle elezioni siano impiegati proficuamente per una FUSIONE SUBITO E BUONA.

Una comune cabina di regia può essere il primo passo utile.

Marinella Grillo

Tonino Caracciolo